mercoledì, luglio 18

Abara



Questo mese è uscito, per la Planet Manga, "Abara", nuovo lavoro del talentuoso Tsutomu Nihei, divenuto famoso anche in Italia grazie a "Blame!", un'opera fantascientifica dalle atmosfere cupe davvero unica nel suo genere, che lo ha portato anche a lavorare negli Stati Uniti per la Marvel, per la quale ha scritto una serie di storie di Wolverine.

Anche questa miniserie, composta da due volumi, è in puro stile Nihei, ambientata in una megalopoli sconvolta per la presenza di alcuni uomini in grado di trasformarsi in mostri che seminano il panico e si lasciano dietro una lunga scia di cadaveri; chi governa la città decide di utilizzare persone dotate dello stesso potere per farle combattere contro questi esseri, ma si scoprirà ben presto che la realtà è molto diversa e la situazione nasconde una realtà molto, molto più complessa e intricata.

Molto più classico e meno intricato come stile di narrazione rispetto a "Blame!", "Abara" ha dalla sua anche dei disegni più naturali e meno astratti, nonostante il classico tratto graffiante del maestro, con le sue fantastiche architetture e i suoi ambienti alienanti e futuristici!

Particolarmente consigliato agli amanti dell'azione e a chi non ha mai letto niente di questo autore.

8 commenti:

Torakiki ha detto...

Sono perplesso. Blame era finito piuttosto di merda...

Angelo ha detto...

C'hai ragione, blame aveva un finale criptico aka nonsicapiscenasega, però questo abara come ho già detto sembra essere molto più lineare, ma bisogna attendere il prossimo volume conclusivo per dirlo con certezza.

Anonimo ha detto...

Come avrete gia' avuto modo di vedere ... mi sembra che anche il finale di Abara sia veramente deludente. Non tanto per i due protagonisti trasportati chissa' quando/dove piuttosto per l'immagine della schiera di Gauna bianchi fluttuanti nello spazio ... boh ....

Almeno ci si rifa' un po la bocca con Digimortal (ma un nome migliore si faceva fatica a trovarlo ? )


Ciao

Ema

Anonimo ha detto...

Ero fiducioso in Abara, purtroppo dopo averlo letto devo dire che sono rimasto deluso. E non ho capito il finale.Bello digimmortal, spero che possa diventare una serie.

Ciao a tutti.

Greed88

Anonimo ha detto...

ho dovuto leggerlo due volte per capirlo, e tuttora ci sono molti punti oscuri, ma devo dire che abara mi è piaciuto molto. mi piacciono i finali enigmatici e aperti (si, vabbè, sono masochista, mi avete scoperto...), e questo in particolare, forse quanto quello di blame!
ora aspetto solo biomega...e i prossimi lavori di nihei

Anonimo ha detto...

io credo che i gauna bianchi vadino a comporre il nuovo mondo dove i duei uomini si ritrovano...se guardate bene nell'immagine in cui c'è anche il mare si vedono dei buchi nella spiaggia....

Anonimo ha detto...

a me è piaciuto tanto...soprattutto lo stile,pultroppo sono sconvolta dal finale...ke nn riesco a capire! @_@'

Anonimo ha detto...

Io invece quasi ho capito che l'intero pianeta non era altro che quella enorme striscia di terra... I due sono stati trasportati su un pianeta verde e rigogoglioso, mentre il pianeta dove stavano i gauna neri è stato distrutto, lasciando solo i gauna neri, che sono riusciti a sopravvivere creandosi una specie di barriera, e i gauna bianchi...