sabato, febbraio 24

Una notte al Museo



Larry è il classico sfigato, con l’aria da perdente, divorziato da una moglie che l’ha rimpiazzato con un agente di borsa di successo, senza lavoro fisso ma con la voglia di dimostrare al proprio figlio quello che vale. Per farlo accetterà di lavorare come guardiano notturno presso il Museo di Storia Naturale di New York, un lavoro che si rivelerà più difficile del previsto a causa di una maledizione egizia e di un trio di ex-guardiani molto sospetti…

Insomma la solita esile trama da commediola hollywoodiana, che descrive il mito tutto americano del “self-made man”, abusato quanto insipido (ultimamente pure Muccino l’ha usato ne “La ricerca della felicità”).
Ma allora come ha fatto questo film a incassare, per ora, 239 milioni di dollari soltanto negli Stati Uniti?
Semplice l’asso nella manica di questa pellicola è Ben Stiller, il vero re della commedia made in USA, fin dai tempi di “Tutti pazzi per Mary”!

Effetti speciali degni di un blockbuster di fantascienza, che danno vita nelle tre notti passate da Larry all’interno del museo ad un’anarchia totale dove si consumano incontri-scontri impossibili (dai cowboy, che non gradiscono i legionari romani nella teca vicina, al T-Rex da riporto, da Attila e gli Unni, che vogliono squartare ogni nemico che incontrano, agli uomini preistorici in cerca del fuoco) e citazioni sparse qua e là, da “Jumanji” a “Jurassic Park”, passando per "I viaggi di Gulliver", non sarebbero certo bastati al regista Shawn Levy (autore del recente e noioso remake de “La Pantera Rosa”) per fare di “Night at the Museum” un successone.

Ecco quindi che interviene la scelta del cast e più in particolare di Ben Stiller, un attore (e regista) maiuscolo, votato fin dagli esordi televisivi alla commedia, poco considerato qui in Italia ma vera e propria star fuoriclasse in patria, perfetto quando ha libero spazio per scatenare la propria demenzialità (come nel suo capolavoro “Zoolander” o come in “Dodgeball”), ma ottimo anche quando deve andare incontro al grande pubblico (come in “Ti presento i miei” o in “Starsky & Hutch”) ; tempi comici e carisma fuori dal comune al servizio di un viso capace di far ridere solo con una smorfia, questo è Ben Stiller, che con questo film raggiunge l'ultima area di pubblico che gli mancava, i bambini, senza però scontentare tutti gli altri (basti pensare alla scena in cui, per un tempo oltraggiosamente lungo, si prende a schiaffi con una scimmia del padiglione africano).

Poi vengono tutti gli altri, dal leader dei cowboy Gebediah interpretato dall’inseparabile Owen Wilson, a Robin Williams, che si diverte ad interpretare un romantico e patriottico Theodore Roosevelt, l'unico che cerca di dare qualche consiglio a Larry durante la sua prima notte, passando per Carla Gugino (“Spy Kids”, “Sin City”) e l’italiano Pierfrancesco Favino (“L’ultimo Bacio”, “Romanzo Criminale”), che interpreta un irriconoscibile statua di Cristoforo Colombo, per concludere con il “malefico trio” di guardiani costretti alla pensione forzata, ovvero Mickey Rooney, Dick Van Dyke e Bill Cobbs, tre pezzi di storia del cinema americano.

Puro intrattenimento hollywoodiano per famiglie, probabilmente non sarà la commedia più divertente dell’anno, ma di certo sarà quella con gli incassi maggiori!

10 commenti:

Salo ha detto...

L'ho visto qui a Parma.
Film gradevole, niente di speciale, ma scorre via senza mai annoiare e riservando qua e là piccole perline di comicità che non sono da buttar via. Strepitoso Owen Wilson, che io trovo in generale ancor più irresistibile dell'amico Ben.

Blocco ha detto...

Owen & Ben sono sempre insieme...
Sembra carino il film da quanto racconti...

Angelo ha detto...

Trovo che Owen Wilson sia bravo ma, al contrario di Ben Stiller, da solo non riesce a reggere un film, come esempio potrei dirti "io, te & Dupree", ma non solo... diciamo che è un'ottima spalla.

Il meglio sarebbe vedere un film con tutto il gruppo della Frat pack (formato da Stiller, Vince Vaughn, Owen e Luke Wilson, Will "Frank la Tanica" Ferrel e via dicendo...)

Salo ha detto...

Owen potrebbe farcela...se gli dessero una trama decente: quella di "Io tu e Dupree" era limitatissima.

Comunque il migliore del gruppo in assoluto è il mitico FRANK LA TANICA!

Salo ha detto...

...zitto zitto Owen Wilson si è scopazzato Sheryl Crow....buttala via!!!

Elena ha detto...

IO AMO BEN LO AMOOOOO ME LO FAREI ANCHE *_* perchè nella vita non conta solo essere belli belli in modo assurdo! XD Bella! -Elena-

Salo ha detto...

Elena...se ti dicessi che somiglio a Ben? ;)

Anonimo ha detto...

dal trailer non mi è sembrato niente di che.. escluso ben ovviamente *_*

non vado pazza per i film "effettoni specialoni" con poco succo!

Key

Angelo ha detto...

Kei guardalo solo se ti piace Ben Stiller, o se vuoi farte 2 risate!

E poi sempre meglio di quei filmacci che ti sei vista! XD

Blocco ha detto...

///Elena...se ti dicessi che somiglio a Ben? ;) /// eh????